I cinque colori del benessere

Parliamo dei colori del benessere, cioè dei colori della fruttta e verdura, che oltre ad essere stimolanti per la vista, sono anche utili per darci indicazioni sulle sostanze che contengono.

Ad ogni tipo di colore infatti corrisponde un determinato componente fitochimico che contiene proprietà diverese, tanto che sono sempre stati non solo fonte di nutrimento per gli uomini, ma anche principali medicinali con i quali guarire le malattie.

Già Ippocrate, illustre medico greco, diceva: “Il cibo sia la tua medicina e la tua medicina sia il cibo”.

Quindi i vegetali a foglia verde sono riccchi di clorofilla, ferro, magnesio, acido folico e altri composti benefici, sono antiossidanti, regolano la pressione sanguigna e stimolano l’assorbimento di calcio, fosforo sodio e potassio. Il colore giallo-arancio, indica la presenza di flavonoidi, carotenoidi, vitamina C e in particolare il betacarotene, utile a produrre la vitamina A che ha un’importanza rilevante nella difesa delle cellule e nella crescita dei tessuti.

Il colore rosso, invece, segnala la presenzadi antocianine e licopene, che è un antiossidante e ci protegge dall’invecchiamento, il pomodoro, per esempio, ne è ricco.

Il blu-viola è dovuto agli antociani, che oltre ad essere potenti antiossidanti, proteggono vasi sanguigni e sistema circolatorio, troviamo inoltre vitamina C, potassio e magnesio.

Infine il colore bianco, ricco di sali minerali, che contiene potassio, zolfo, flavonoidi e altro, rinforza ossa e polmoni e aiuta a diminuire i livelli di colesterolo.

Per una dieta sana e consapevole è preferibile sempre utilizzare vegetali di stagione, freschi e biologici, con provenienza possibilmente dall’Italia per evitare cere e sostanze chimiche come nitriti e nitrati, che sono sostanze dannose all’organismo, seguendo la natura e mangiando frutta e verdura in cinque porzioni di colore diverso al giorno

Maurizio Corsetti